Davide Arlenghi
Davide Arlenghi, imprenditore, cittadino del mondo, Fondatore dell’Associazione Dadi Ducali e fondatore di Pick Up Comics Vigevano, un “sempre giovane” che vuole riportare i giovani al centro di Vigevano e riportare Vigevano al centro del mondo con lo sviluppo dell’interesse turistico e culturale della città.
Una parola in cui credo: incontro.

Francesco Augurusa
Francesco Augurusa detto Ciccio. Sono una persona solare, amico di tutti. Mi confronto con tutti e amo la politica. Il mio sogno è sedermi in aula consiliare per dare una svolta a questa città. Sono invalido in cerca di lavoro e sono diplomato in ragioneria.
Una parola in cui credo: speranza.

Stefania Calabrese
Sono animatrice e musicoterapista, mi occupo soprattutto degli anziani. Amo il mio lavoro, in particolare per il suo aspetto più umano: la relazione. Mi sto formando in PNL con l’idea di diventare un life coach. La mia passione e secondo lavoro è cantare: ho un coro gospel, una band rock, un duo acustico, ma canto anche da solista organizzando serate sul territorio.
Una parola in cui credo: resilienza.

Paola Carnevale Schianca
Paola Carnevale Schianca. Insegnante, librovora, gattara, sceneggiatrice e teatrante a tempo perso, ma prezioso. Lavoro con i ragazzi ed è bellissimo. Aiuto gli stranieri in città ad apprendere la nostra lingua e la nostra cultura.
Una parola in cui credo: controvento.

Maddalena Cassuoli
Maddalena Cassuoli, milanese scappata dalla metropoli per rifugiarsi nel suo luogo del cuore. Da 15 anni consulente di marketing e comunicazione per aziende e fondazioni e da 4 anche titolare a Vigevano di un piccolo negozio dedicato a riciclo e sostenibilità, L’Antina. Crede nella gentilezza.
Una parola in cui credo: connessioni.

Andrea Cerastico
Mi chiamo Andrea Cerastico, sono un istruttore di guida e lavoro nell’autoscuola Cerastico. Da anni cerco di formare conducenti preparati e disciplinati nella speranza di migliorare il traffico di Vigevano.
Una parola in cui credo: pazienza.

Emanuele Corsico Piccolini
Emanuele Corsico Piccolini. 30 anni, dirigente d’azienda e tutor di Economia Aziendale all’Università degli Studi di Milano Bicocca, dal 2011 sono Consigliere Provinciale e dal 2015 Consigliere Comunale. Italiano di nascita, americano di formazione, europeo per vocazione. Mi piace viaggiare, sperimentare e cercare di imparare tutto ciò che possa essere utile alla mia comunità.
Una parola in cui credo: contaminazione.

Ida Daneri
Ida Daneri, dottore commercialista, 35 anni di esperienza in fiscalità e contabilità d’impresa, specializzata in dogane e accise.
Da alcuni anni insegno scrittura creativa all’Unitre di Vigevano, dove ricopro anche la carica di revisore legale dei conti. Amo scrivere e l’anno scorso ho pubblicato il mio primo romanzo.
Una parola in cui credo: coerenza.

Giampiero Garraffo
Giampiero Garraffo, Operatore Tecnico di Sicurezza, volontario di Protezione Civile, Presidente del Comitato Genitori “Regina Margherita”, Porta Stendardo della Contrada Castello, esperto di Survivor, Amante della natura e dei libri.
Una parola in cui credo: cambiamento.

Carlo Motta
Carlo Motta. Da oltre trent’anni lavoro a Milano nel settore editoriale. Pendolare come migliaia di altri Vigevanesi, sono stato consigliere comunale dal 2005 al 2015 occupandomi in particolare di trasporto ferroviario e mobilità. Vivo l’impegno politico come un dovere civico, consapevole che il Paese è di tutti ma non tutti hanno voglia di occuparsene. Una parola in cui credo: dignità.

Lucilla Mussini
Insegnante per tutta la mia vita lavorativa, Italiana per nascita, Europea per vocazione, cittadina del mondo per convinzione. Amo la libertà, l’impegno, la partecipazione, odio gli ismi come razzismo, nazionalismo, sovranismo. Una parola in cui credo: solidarietà.

Enza Pagliarulo
Enza Pagliarulo, OSS e assistente domiciliare sul territorio da 30 anni. Conosco tutti i problemi sociali della città. Insegno anche all’interno dei corsi Enaip di ASA, OSS e assistenti familiari. Amo il mio lavoro e tutto ciò che ruota attorno al sociale. Sono mamma, figlia e nonna. Il mio sogno? Una città  dove il sociale venga valorizzato con tante iniziative, una città pulita e una città vivibile anche per i disabili. 
Una parola in cui credo: altruismo.

Matilde Perotti
Matilde Perotti. Studentessa di scienze politiche e relazioni internazionali. Innamorata dell’ambiente, membro di Fridays For Future Vigevano e di Puliamo la Città.  Ero una bambina timida e piuttosto controllata, non parlavo molto. Le cose sono cambiate crescendo quando confrontandomi con gli altri ho cominciato a capire che era possibile avere idee proprie e difenderle. Lì è successo qualcosa: non avrei mai più accettato le ingiustizie anche al costo di essere sola.
Una parola in cui credo: determinazione.

Arianna Spissu
Arianna Spissu. 27 anni, insegnante di lettere (o domatrice di leoni?), preferisco gli ultimi ai primi e non tollero bugiardi e prepotenti, piccoli o grandi che siano. Attiva nel sociale da quando avevo 14 anni e scout nell’anima, vivo la politica e il volontariato come scelta di servizio al prossimo.
Una parola in cui credo: servizio.

Marco Vassori
Marco Vassori, educatore da oltre 20 anni al servizio dei giovani con difficoltà famigliari, animatore del progetto Giunteria nel 2000 e dei progetti FateciSpazio e Ludobus, lettore nelle scuole medie per bimbi ipovedenti. Desidero che i giovani sentano che la loro città è presente e attenta quando ne hanno più bisogno.
Una parola in cui credo: persone.

Angela Villa
Mi chiamo Angela Villa, sono nata a Milano nel 1958 e abito a Vigevano. Da sempre mi occupo di volontariato, di assistenza familiare e dei più bisognosi. Per farlo al meglio ho sempre cercato di migliorarmi partecipando a incontri di approfondimento e aggiornamento sul tema, ho frequentato con impegno alcuni corsi di specializzazione tra cui ASA, TAGGERSMUTTER e Animatrice per l’infanzia ricevendone i relativi attestati. Dal 2017 sono segretaria del circolo PD di Gambolò. Il motivo per cui ho accettato di affrontare questa sfida al fianco di Alessio, è la speranza di poter contribuire nel rafforzare l’impegno nel sociale di questa lista.
Una parola in cui credo: rispetto.